Copyright e note legali  E-mail

Accesso riservato agli utenti registrati. 

 

info@poweb.it
c
Sicurezza e Prot. Civile

  Dispense da scaricare

  Il metodo Augustus

  Carta sismica Italia

  Data base sost. pericolose

  Conoscere il rischio

  Livelli di attenzione ecc.

  Volontariato

  Normativa in vigore

 

Foto e video 

  Abruzzo i danni

  Abruzzo campi e dintorni

  Video proposti dal sito

  

 
Mix 

  Energia e ambiente

  TV oppio dei poveri

  Vaccini al mercurio

 
Utilità

  Elenco telefonico

  Gli smacchiatori

  Come vincere le macchie

  Numeri di emergenza

  Traduci in diverse lingue

  Enciclopedia on-line

  Calcola il codice fiscale

 
Per viaggiare

  Infotraffico Mediaset

  Mappe e itinerari

  Autostrade

  Orari dei treni

  Traghetti on-line

  Campeggi

 
Soccorso in rete

  Carabinieri

  Polizia di Stato

  Croce Rossa Italiana

 


 
Primo piano

 

Non perdere i video documentazione della triste realtà che viviamo, è con vero dispiacere che ti invitiamo a cliccare qui o sulle immagini sopra per aprire la pagina dei video. 


 

Esercitazione annuale 

Anche quest'anno si rinnoverà il rito della “esercitazione Po”, manifestazione simultanea che coinvolge i paesi rivieraschi, attesa quanto la liquefazione del sangue di San Gennaro. Una tradizionale ricorrenza come lo è la sagra paesana, con tanto di processione da parte delle locali associazioni di volontariato con i propri uomini e mezzi. Momento di imperdibile visibilità tanto che alcune associazioni non perderanno occasione per fare sfilare anche la Madonna locale (la gnocca di turno), figura che normalmente è la cocca del presidente e che come dicono dalle mie parti, gli sta in una manica, anche se a volte sarebbe più corretto parlare di braga. segue


 

La Protezione Civile si deve impegnare nella “formazione ed autoprotezione” dei cittadini.

Purtroppo la continua necessità di produrre e trasportare ad esempio sostanze chimiche anche molto pericolose, ci ha portato a sottovalutare se non a trascurare il rischio di catastrofe chimica e nello stesso tempo il fenomeno del terrorismo ha evidenziato l’estrema vulnerabilità delle strutture e dei mezzi adibiti alla produzione, trasporto e consumo di tali “bombe”.  segue


 

Chi ci proteggerà da certa Protezione Civile??

extraterrestre Parlare di volontariato in Italia è una impresa non facile, il paese è talmente massacrato dalla mala amministrazione che c' è spazio per qualsiasi attività che sostituisca lo Stato nelle prestazioni sociali essenziali e che, almeno nell' impostazione generale, non abbia costi per la retribuzione del personale impiegato. In realtà invece in questa situazione tutti ci sguazzano all’inverosimile ed i costi complessivi lievitano in modo esponenziale.  segue


 

Armi chimiche e bioterrorismo.

Una delle possibili e realistiche emergenze per la popolazione.

.......di fronte a ciò l’essere umano è sempre più fragile e vulnerabile, non necessariamente deve anche ritrovarsi inerme ed indifeso, credo fermamente che le strutture (anche locali) della Protezione Civile, debbano “formarsi”  per  conoscere ed affrontare meglio tematiche sino ad ora sottovalutate come l’emergenza chimica o batteriologica che di fatto non sono poi tanto fantascientifiche.      segue


 

Lacrime, dolore e tanti controsensi (i primi soccorsi)

Ancora una volta il nostro paese è in ginocchio in seguito ad una ennesima catastrofe naturale. Questa volta un terremoto indubbiamente violento ha scosso un territorio compreso tra Modena e Ferrara dopo quello di alcuni anni fa che aveva devastato l’Abruzzo. Area che storicamente aveva già subito forti scosse nel passato, ma si sa che l'essere umano dimentica presto soprattutto se dietro ai piani regolatori locali si insinuano interessi economici. Ancora una volta è stato l’intervento più o meno voluto dell’uomo a creare il maggior numero di vittime (in particolare in Abruzzo), la sua stupidità ed ingordigia ancora una volta lo ha spinto a speculare, a non rispettare le regole edilizie e del buon senso. Ora siamo qui a piangere i morti....... segue


 

AIPO & C.

Dopo l’allagamento dell’abitato di Bomporto (Modena), sta girando un video della Gazzetta di Modena che documenta una falla nella “diga”. La grande diga è stata realizzata in tempi diversi, e con due colate di cemento armato differenti, avvenute a distanza di un decennio, fra gli anni '80 e '90. Un cantiere lungo 40 anni, che ha inizio nel 1974, e prosegue a più riprese fino ai giorni nostri per arrivare a sfondare il muro di 31 milioni di euro di costo.  segue


 

Altri articoli in primo piano (clicca sulla freccia per aprirli)
Televisione oppio dei poveri
Vaccini al mercurio
L'albero del sapone
Molestie telefoniche, cosa fare.
 
Download

Scarica i programmi indispensabili per il tuo computer
 
 
Archivio articoli

Clicca sulla freccia per entrare 
 

Per qualsiasi comunicazione, utilizzare info@poweb.it

Copyright riservato a www.poweb.it vietata ogni riproduzione non autorizzata

 
 
 
 
 
Corsi base

  Excel

  Word

  Cos'è internet

  Posta elettronica

  Conoscere i motori di ricerca

  Informatica di base

 

Corsi avanzati ECDL

  Concetti base di informatica

  Uso del computer e file

  Elaborazione testi

  Foglio elettronico

  Basi dati

  Strumenti di presentazione

  Reti informatiche

  ACCESS secondo livello

  WORD  secondo livello

  Power Point secondo livello

  EXCEL secondo livello

 
Meteo